contatore free

Ciclo Mestruale tra Credenze e Riti!

Ciclo Mestruale tra Credenze e Riti!

Il ciclo mestruale energia in potenza per le donne, con il ciclo una donna può essere, ripristinare e creare.

Una cosa che l’occidente e il suo modo di vivere maschile e frenetico hanno strappato alla cultura femminile è il profondo rispetto per il ciclo mestruale della donna, senza il quale possiamo tranquillamente affermare che nessuno sarebbe passato su questo mondo.

Nel corso della storia le diverse culture hanno considerato in modi diversi le donne durante il loro periodo di sanguinamento.
Senza entrare nel merito di credenze più o meno religiose le convinzioni hanno spaziato dal considerare il sangue mestruale sacro mentre in altri luoghi temuto come un periodo in cui la donna se avesse toccato il vino lo avrebbe fatto  inacidire, se avesse toccato le piante le avrebbe fatte morire e se avesse cucinato le sue pietanze sarebbero state cattive.

In occidente il periodo del ciclo mestruale viene considerato alla stregua di una maledizione, di una limitazione gravosa e scomoda mentre nelle antiche culture tradizionali tribali l’ingresso di una ragazza nella pubertà, rappresentato dal suo primo periodo, viene celebrato e onorato.

Le ragazze Apache, ancora oggi vengono cosparse di polline a rappresentare la loro benvenuta fertilità e fioritura, la cerimonia è una vera e propria festa che dura quattro giorni. I nativi Americani trattavano le donne mestruate con grande rispetto.
Nella loro cultura matriarcale le mestruazioni erano considerate un potente strumento per avere delle visioni e guidare la tribù.

Un approccio un po’ diverso dal vedersi mettere in mano un pacco di assorbenti e sentirsi dire a 12- 13 anni di stare lontana dagli uomini perché “adesso resti incinta” …
Questo è più o meno il riassunto dell’educazione sessuale e mestruale ricevuta da me e dalla stragrande maggioranza delle ragazze di tutto il mondo occidentale che si sono affacciate alla pubertà nel decennio 1970-80.

Nella tribù Dogon in Africa hanno una speciale capanna mestruale dove andare durante i giorni del ciclo, questo non è un gesto che allontana le ragazze dagli altri ma è un modo di dare loro lo spazio per  praticare la meditazione profonda e stare con se stesse a ricevere intuizioni che durante il ciclo mestruale sono intensificate.

Purtroppo questa antica conoscenza, la comprensione del potere spirituale e del collegamento del ciclo mestruale con una maggiore sensibilità intuitiva, non è stata tramandata di generazione in generazione alla donna moderna, ed è un vero peccato perché per una donna è un momento sacro e importantissimo per attingere alla sua potenza femminile, alla fertilità, alla sua creatività profonda e come nutrimento del suo spirito.

Per le donne che non hanno ricevuto un’adeguata educazione e che sono interessate al recupero della sacralità del loro ciclo mestruale non è tardi.

Durante il ciclo mestruale l’ energia fisica è inferiore ma le capacità intuitive e la sensibilità sono intensificate quindi è il momento giusto per entrare volontariamente in uno stato di riflessione silenziosa, di attingere alle proprie esigenze interiori e conoscersi. Questo è il motivo per cui le mestruazioni sono un dono.

Se non si riconsidera tutto il discorso sul ciclo mestruale e su come lo si vive, si esaurisce la riserva energetica cellulare delle ovaie e delle ghiandole surrenali: questo influenzerà la fertilità, l’equilibrio ormonale e potrebbe condurre alla menopausa prima del tempo, che con queste premesse potrebbe anche essere veramente difficile da gestire.

Alcune cosa da fare per amare ed onorare il tuo ciclo mestruale.

Fare amicizia con il proprio ciclo mestruale e amarlo come ogni altra importante funzione del corpo.
Far caso a come ci si sente in quei giorni in senso generale: sia fisicamente che emotivamente.

Andare a letto presto sopratutto il primo giorno.
Nei periodi freddi tenere riscaldati addome, bassa schiena e piedi.
Tenere un diario per annotare sentimenti, pensieri, sogni ed intuizioni. Riflettere e chiedersi se c’è qualcosa ormai di inutile da lasciar andare per fare spazio a qualcosa di nuovo nella propria vita.
Trascorrere del tempo in mezzo alla natura, basta poter toccare un albero e stare presenti a se stesse nel qui e ora il più possibile.

 

Fonte: wildspicemag.com & Chanel Baran

Team
Consigli Salute Benessere

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Cancel reply


E-shop non solo libri... Idee Regalo!



Acquista Online su IlGiardinodeiLibri.it



pancia gonfia



Primo Network