contatore free

Dispositivi Anti Elettrosmog cosa sono e come ci proteggono?

Dispositivi Anti Elettrosmog cosa sono e come ci proteggono?

Dispositivi Anti Elettrosmog per proteggersi dall’inquinamento elettromagnetico!

Sei consapevole che le radiofrequenze emesse dalle connessioni WiFi e telefonia mobile in generale possono danneggiarti?
Sai che esistono Dispositivi Anti Elettrosmog che possono proteggerti?

In questo articolo cerchiamo di dare un contributo informativo per sensibilizzarti al problema e consigliarti una possibile soluzione attraverso l’uso dei Dispositivi Anti Elettrosmog.

Elettrosmog: invisibile, ma non innocente!
dispositivi-anti-elettrosmogSe potessimo vedere con i nostri occhi la “ragnatela” di inquinamento elettromagnetico che ci circonda in ogni momento della giornata, posso immaginare che ognuno di noi penserebbe di fuggire su un’isola deserta 🙂

Putroppo questa soluzione è pura fantasia per la maggioranza delle persone, infatti le attuali condizioni di vita legate alla tecnologia e alla sua evoluzione ci obbligano a compromessi, quindi da un lato abbiamo la tecnologia estrema che ci aiuta a viveve con tutte le comodità, dall’altra dobbiamo difenderci da quelli che sono nemici invisibili come l’elettrosmog.

Tutti i produttori di apparecchiature elettroniche e smartphone devono rispettare norme ben precise in fatto di emissioni elettromagnetiche per tutelare la salute degli utenti ma l’evoluzione tecnologica è talmente veloce che non ci consente di avere uno storico consolidato al quale fare riferimento di conseguenza possono mancare dati reali di comparazione sulle conseguenze per il nostro organismo, in molti casi possiamo solo limitarci a statistiche che fanno emergere aumenti pecentuali di patologie connesse all’inquinamento elettromagnetico .

In altre parole, siamo circondati da onde elettromagnetiche provenienti da ogni direzione e ciò non può che influire sul nostro corpo e sulla vegetazione che ci circonda.

Perché lo smog elettromagnetico fa male?
Per capire bisogna partire dal concetto che tutto ciò che esiste possiede ed emette una sua particolare radiazione elettromagnetica, le persone hanno una propria frequenza, di conseguenza fonti elettromagnetiche esterne che interferiscono con il normale funzionamento delle proprie cellule ne disturba l’equilibrio, la cellula si destabilizza con effetti sia sul piano fisico che sul piano emotivo.
Il nostro sistema immunitario viene sottoposto a un continuo superlavoro per difendersi e mantenere in equilibrio le funzioni organiche, per questo motivo la continua esposizione genera disturbi di varia natura apparentemente inspiegabili. 

Ecco alcune delle conseguenze sulla salute lamentate dai lavoratori digitali i più esposti al momento all’inquinamento elettromagnetico:

Mal di testa (44,5%)
Scarsa capacità di concentrarsi (35,4%)
Nervosismo e l’alterazione dell’umore (33,8%)
Tensioni neuromuscolari (28,5%)
Stanchezza cronica (23,3%)
Insonnia (22,9%)
Ansia (20,4%)
Disturbi gastro-intestinali (15,8%)
Dermatite da stress (6,9%)
Alterazioni comportamentali (7,1%)
Attacchi di panico (2,6%)
Depressione (2,1%)

Questi sintomi sono anche riconosciuti come “Tecnostress” un’insidia che sta coinvolgendo molte persone soprattutto quelle persone che lavorano nel campo digitale.

Un’indagine condotta da una ricerca di Netdipendenza Onlus anticipata dall’Adnkronos Salute, e realizzata in collaborazione con l’Associazione italiana formatori salute e sicurezza sul lavoro (Aifos) ha messo in evidenza che ben il 45% delle persone confessa che l’uso intenso di tablet, smartphone e pc gli ha già creato problemi di salute. 

Tutte le tecnologie attuali e future hanno un ruolo fondamentale per la nostra società e nella nostra vita quotidiana, oggi è impossibile eliminare o fare a meno della tecnologia elettronica sarebbe utopia e fuori dalla realtà attuale.

Quindi la domanda sorge spontanea! E’ possibile difendersi dall’elettrosmog?
Per elimnare totalmente l’inquinamento da elettrosmog dovremmo vivere in una cappa di piombo o in un rifugio antiatomico, quindi l’elettrosmog non si può eliminare, va detto anche che non tutto è pericoloso infatti entro determinati limiti, il nostro organismo è strutturato per difendersi da solo.

Non esiste una difesa assoluta dall’elettrosmog ma un aiuto arriva dai Dispositivi Anti Elettrosmog che posso attenuare la ragnatela invisibile che ci circonda.

Senza entrare in tecnicismi inconprensibili possiamo identificare questi dispositivi in ” Biomagneti” in grado di creare uno scudo energetico che trasforma l’elettrosmog in frequenze armoniche in sintonia con le frequenze emesse dal nostro organismo e quindi meno dannose.

I Dispositivi Anti Elettrosmog sono loro che ci aiutano a difenderci dall’inquinamento elettromagnetico.

Di Dispositivi Anti Elettrosmog ce ne sono tanti, quello che presentiamo ed abbiamo testato è il Dispositivo Anti elettrosmog FOCUS questo biomagnete è conforme alla Direttiva del Parlamento Europeo e del Consiglio 2001/95/CE del 3 Dicembre 2001 recepita con D.Lgs. 172.

Dispositivi Anti Elettrosmog Il prodotto è totalmente costruito in Italia con tecnologia italiana, chiaramente rispetta tutte le attuali normative ed è registrato come Dispositivo Medico accessorio di Classe 1 come da Direttiva 93/42/CE, per apparecchiature elettromedicali di piccola e media grandezza, per strumenti elettromedicali con il numero di repertorio 382955, è registrato anche come parafarmaco con il codice 923417051.

Questo Dispositivo Anti Elettrosmog genera un alone protettivo intorno a noi ed è adatto all’uso quotidiano senza limiti ne controindicazioni particolari.

Il suo raggio d’azione è notevole infatti arriva fino a 2 metri, per fare un esempio, è possibile posizionare il Dispositivo Antielettrosmog FOCUS in maniera stabile sul cellulare che normalmente si tiene sulla scrivania dove sono presenti altre fonti di inquinamento elettromagnetico tipo computer, cordless, scanner, router wi-fi, fax, etc…, in questo modo il biomagnete per il fatto che ha un raggio d’azione di 2 metri ridurrà sensibilmente i disturbi causati dalle suddette apparecchiature.

Inoltre, applicato sul cellulare che portiamo sempre con noi, riduce sensibilmente il surriscaldamento della zona parietale della testa dove viene appoggiato l’apparecchio. Non è invasivo, si tratta di una piccola etichetta adesiva che può essere applicata su una zona a piacere dello smartphone o apparecchiatura elettronica.

Il Dispositivo Anti Elettrosmog è consigliato a tutti i possessori di cellulare o gli utilizzatori di telefoni cordless, sicuramente è molto utile alle persone che utilizzano con continuità strumenti elettronici o lavoratori digitali.

 

I nostri consigli:
Come abbiamo visto il nuovo nemico dell’era digitale è la “Tecnostress” (sintomi e conseguenze sulla salute generati dall’inquinamento elettromagnetico) ma l’uomo ha sempre un rimedio giusto per difendere se stesso e le propria salute, in questo caso i Dispositivi Anti Elettrosmog sono un valido scudo.
Il cellulare o telefono cordless sono la fonte più dannosa perchè a contatto diretto con il nostro corpo, limitiamo i danni con l’Anti elettrosmog FOCUS .

Puoi vedere i dettagli del prodotto QUI

Consigli Salute Benessere


Dispositivi Anti Elettrosmog

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Cancel reply


E-shop non solo libri... Idee Regalo!



Acquista Online su IlGiardinodeiLibri.it



pancia gonfia



Primo Network